Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

Disposizioni in tema di detrazione dei premi assicurativi - Aggiornamento

Legge 28 ottobre 2013 nr. 124 - conversione in legge con modificazioni, del decreto legge 31 agosto 2013 nr. 102 recante disposizioni urgenti in materia di Imu, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonché di cassa integrazione e di trattamenti pensionistici - art. 12 - disposizioni in tema di detrazione dei premi assicurativi

L’art. 12 del Decreto Legge n. 102/2013 (il Decreto) così come convertito dalla Legge 28 ottobre 2013 nr. 124 (pubblicato sul Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.254 del 29 ottobre 2013) recante “Disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonché di CIG e di trattamenti pensionistici” (di seguito il Decreto) è intervenuto modificando i limiti alla detrazione dei premi assicurativi disciplinati dall’art. 15, comma 1, lettera f), del DPR 917/1986 e s.m.i (c.d. TUIR).

Le novità introdotte dalla legge di conversione

La nuova formulazione dell’articolo 12 così come risulta dopo le modifiche intercorse durante l’iter di conversione prevede che: “la riduzione della detrazione dei premi assicurativi già a decorrere dal periodo d'imposta 2013 passava dagli attuali 1.291,14 euro a 630 euro, ulteriormente ridotto, a decorrere dal periodo d'imposta 2014, a 530 euro e a decorrere dallo stesso periodo di imposta a euro 1.291,14 limitatamente ai premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana al netto dei predetti premi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente. Nel limite di euro 630 per il periodo di imposta incorso alla data del 31 dicembre 2013 nonché di euro 530 a decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014 sono compresi i premi versati per i contratti di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni stipulati o rinnovati entro il periodo d’imposta 2000”. Resta immodificata la percentuale applicabile del 19%.
Non viene modificato il regime di detraibilità fiscale dei contributi e i premi versati in forme pensionistiche complementari (PIP e Fondi pensione) per i quali rimane in vigore il regime di cui al DPR 917/986 ovvero la deducibilità fino ad un massimo di 5.164,57 euro.

Si riporta di seguito uno schema sintetico  delle modifiche introdotte dalla Legge di conversione e che avranno effetto dalla data di pubblicazione del Decreto ovvero dal 31 agosto 2013.

Si segnala altresì un ulteriore novità in tema di detrazione dei premi assicurativi introdotta al comma 2 bis dell’articolo 12: a decorrere dal periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre 2014 il contributo previsto nell’articolo 334 del Codice delle Assicurazioni Private (contributo sui premi delle assicurazioni dei veicoli e dei natanti) è indeducibile ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive.
In pratica con riferimento all’anno di imposta 2014 il “c.d. contributo al SSN” calcolato sui premi delle assicurazioni dei veicoli e dei natanti non sarà più deducibile indipendentemente dal relativo importo.