Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

III edizione dell’Indagine Internazionale Zurich- GFK Eurisko
Rischi e opportunità di 3.000 PMI di 15 Paesi nel mondo


Le PMI temono il calo della domanda e la forte competitività, ma guardano al futuro con ottimismo

In Italia:

  • i rischi delle PMI sono ancora legati alla crisi economica: fra i più temuti il calo della domanda (per il 40% delle PMI) e la forte competitività (per il 33% delle PMI)
  • aumentano le opportunità di sviluppo delle PMI: quasi quadruplicano le PMI che investono nelle risorse umane, mentre le principali opportunità sono la riduzione dei costi (per il 34,5% delle PMI), le agevolazioni nell’accesso al credito, l’apertura verso nuovi segmenti di clientela e le novità legislative (per il 34,5% delle PMI)

Milano, 1 ottobre 2015 – Zurich Insurance Group (Zurich) presenta i risultati della terza edizione del sondaggio internazionale realizzato da GFK Eurisko sui rischi e le opportunità di un campione di 3.000 Piccole e Medie Imprese in 15 Paesi del mondo in Europa, America e Asia-Pacifico negli ultimi 12 mesi.

Scenario italiano

Nel corso dell’ultimo anno i principali timori delle PMI italiane sono legati alla congiuntura economica e alla debolezza dell’economia. I due fattori che maggiormente preoccupano le piccole e medie imprese sono stati, in linea con il dato globale, la contrazione della domanda (40%) e un alto livello di concorrenza congiunto agli effetti del calo dei prezzi sulla marginalità (33,5%). Questi dati, confrontati con le edizioni passate dell’indagine, fanno emergere un trend in linea con gli anni precedenti, seppur in lieve peggioramento. A seguire, le PMI temono il rischio di incorrere in problemi legali e fiscali (17,5%) e danni all’immagine e alla reputazione (13,5%).

Rispetto agli anni passati si registra invece un aumento esponenziale delle PMI che temono rischi legati alla vulnerabilità dei sistemi tecnologici (da 0,8% nel 2013 a 8,5% nel 2015), ai crimini informatici (da 3,2% nel 2013 a 10,5% nel 2015) e alla corruzione (da 0,4 nel 2013 a 3,5% nel 2015). Mentre la probabilità che si verifichino danni dolosi, disordini (-75%) catastrofi naturali (-50%) si abbassa rispetto all’anno scorso.

Il segnale di un rinnovato ottimismo si registra invece nella diminuzione di PMI che quest’anno non vedono nuove opportunità di sviluppo, come pure la diminuzione della percezione di rischi che possano compromettere il prosieguo dell’attività.

Circa un terzo delle PMI italiane (34,5%) vede le più grandi opportunità di sviluppo nella riduzione dei costi e delle spese, in linea con il dato globale; a seguire, il 23% delle PMI allarga l’offerta a nuovi segmenti di clientela, cogliendo anche opportunità di novità legislative e agevolazioni nell’accesso al credito.

Le PMI italiane riscoprono inoltre il valore degli investimenti nelle risorse umane: dal 2013 si registra una percentuale di PMI aumentata di quasi quattro volte (3,2% nel 2013/ 11,5% nel 2015). Una buona gestione del personale non viene quindi vista come un onere, ma come un’opportunità di crescita che permette di presentarsi sul mercato con un forte vantaggio competitivo.


Scenario internazionale: i principali trend

La III edizione della ricerca internazionale Zurich sulle PMI ha messo in luce una serie di significative differenze fra gli Stati che hanno partecipato all’indagine. Gli scenari variano a seconda delle prospettive di crescita economica del Paese, con le PMI dell’America Latina e Stati Uniti che risultano essere fra le più ottimiste. In area Asia-Pacifico le PMI scommettono in misura maggiore sulla diversificazione dei prodotti e servizi offerti. Questo dato è particolarmente evidente a Hong Kong, rispetto alle PMI malesi.

In USA le PMI vedono nei nuovi canali di vendita, come per esempio le vendite online, la principale chiave di crescita, per questa ragione non sono per esempio turbate dai crimini informatici o dalla vulnerabilità dei sistemi informatici, tema che invece preoccupa le PMI di altri Paesi del mondo. Le PMI di area Asia-Pacifico considerano i disastri naturali uno dei tre maggiori rischi in assoluto per il proprio business, mentre in America latina il rischio di incendi è molto alto rispetto al resto del mondo.

In Europa, le PMI in Germania (22%) e Austria (26%) si preoccupano della salute e alla sicurezza di dipendenti e clienti, rispetto ad altre nazioni europee. In Svizzera l’incremento del rischio (43% vs 29% nel 2014%) relativo al calo della domanda è dovuto all’abbandono negli scorsi mesi del tasso di cambio fisso del franco verso l'euro.

Le PMI europee sfruttano le agevolazioni di accesso al credito in misura maggiore rispetto ad altri Paesi. (21% nel 2015 vs 13% nel 2014), anche grazie ad una rinnovata fiducia nei Paesi dell’Eurozona.

In Medio oriente, la possibilità di accedere a condizioni agevolate di  credito è diventata un’opportunità sempre più interessante per lo sviluppo del business (negli ultimi 3 anni le PMI che hanno colto questa opportunità sono passate dal 6% al 17%).

Marco Delpino, Head of Market Facing Underwriting di Zurich in Italia - ha così commentato – “Se da una parte i rischi percepiti dalle PMI italiane sono ancora legati alla crisi economica, tra i più temuti il calo della domanda e la forte competitività, d’altra le opportunità di sviluppo crescono, segno che la necessità di protezione si evolve di pari passo con il progresso. Per questa ragione in Zurich lavoriamo fianco a fianco con le aziende per offrire la miglior consulenza possibile e per studiare insieme a loro soluzioni al passo coi tempi in grado di offrire protezione adeguata in un mondo in costante evoluzione”.


Metodologia e campione

La terza edizione del sondaggio internazionale Zurich sulle PMI è stata realizzata da GFK Eurisko. E’ stato chiesto ai responsabili di circa 3.000 piccole e medie imprese (0-250 dipendenti) in tutto il mondo di identificare un massimo di 3 sfide e opportunità affrontate e colte nel 2015. Il campione rappresenta circa 200 fra CEO/titolari, direttori generali, CFO/Amministratori finanziari, COO/ Direttori operativi dei seguenti 15 Paesi: Austria, Brasile, Germania, Hong Kong, Italia, Malesia, Messico, Marocco, Portogallo, Spagna, Svizzera, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti.

Zurich Insurance Group (Zurich), leader nei servizi assicurativi, è operativa sia nel ramo danni che nel ramo vita, servendo i propri clienti a livello globale e su singoli mercati locali grazie ad oltre 55.000 collaboratori. Tra i clienti di Zurich vi sono privati, piccole e medie imprese e grandi società, comprese aziende  multinazionali, in oltre 170 paesi. Fondato nel 1872, il Gruppo ha la propria sede centrale a Zurigo, in Svizzera. La società holding Zurich Insurance Group Ltd (ZURN), quotata alla SIX Swiss Exchange, è presente sul mercato statunitense mediante un programma American Depositary Receipt di Livello I (ZURVY) negoziato fuori borsa su OTCQX. Maggiori informazioni su Zurich sono disponibili all’indirizzo www.zurich.com.

Zurich in Italia. Zurich è presente in Italia dal 1902 ed opera attraverso una rete di circa 600 Agenzie e accordi di distribuzione con banche e reti di promotori finanziari, nell’area della protezione assicurativa, del risparmio e della previdenza.



Per ulteriori informazioni:

Marco Braga, Head of Corporate Communications Zurich Italia
+39 02 5966 2206 (direct)
+39 3351522528 (mobile)
marco.braga@it.zurich.com

Sonia Bertassi, Corporate Communications Zurich Italia
+39 02 5966 7057 (direct)
sonia.bertassi@ it.zurich.com