Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

L’Ivass, (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) con l’adozione del Regolamento n. 9 del 19/05/2015 ha introdotto la dematerializzazione dell’Attestato di rischio per i contratti in scadenza dal 1° luglio 2015.

Cosa s’intende in generale con dematerializzazione dei documenti?
É un processo tramite il quale un documento in formato cartaceo viene sostituito da uno stesso in formato digitale ovvero “conservato” su supporti telematici.

L’introduzione della dematerializzazione dell’Attestato di rischio implica che:

  1. il nuovo Attestato di rischio ha dal 1° Luglio 2015 finalità esclusivamente informative: il cliente non deve più fornire l’ultimo Attestato di rischio cartaceo ricevuto dalla precedente Compagnia quando sottoscrive una nuova polizza RC.
    Le informazioni relative alla sua storia assicurativa sono acquisite in via telematica tramite un’apposita Banca Dati elettronica degli Attestati di Rischio.
  2. le Compagnie assicuratrici per i contratti Rc auto in scadenza dal 1° luglio 2015, non inviano più agli assicurati il documento cartaceo via posta ma lo rendono disponibile in versione digitale sui rispettivi siti web.

Anche Zurich si è adeguata alla normativa, pertanto, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto Rc auto, nell’Area Clienti presente su questo sito, il contaente ha a disposizione una copia informativa dell’Attestato di rischio scaricabile e consultabile in qualsiasi momento.
I Contraenti e gli altri soggetti aventi diritto all’Attestato di rischio possono continuare a rivolgersi al proprio Intermediario di fiducia per ricevere tramite email una copia informativa del documento.