Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

ATTESTATO DI RISCHIO DIGITALE E DINAMICO
NUOVE DISPOSIZIONI DELL’ISTITUTO DI VIGILANZA- IVASS

L’Istituto di Vigilanza sulle assicurazioni - IVASS ha stabilito nuove disposizioni relativamente all’attestato di rischio (ATR), ovvero il documento che certifica la situazione assicurativa RC Auto contenente informazioni quali, ad esempio, la classe di merito maturata e l’assenza o presenza di sinistri.


L’IVASS, dopo aver “digitalizzato” l’attestato, sostituendo il documento cartaceo con un documento digitale contenente i dati memorizzati nella Banca Dati degli attestati di rischio, ha poi deciso di ampliare la storia assicurativa (intesa come assenza/presenza di sinistri nel tempo) registrata nell’attestato stesso e di rendere più efficiente l’aggiornamento dei dati sulla sinistrosità, grazie a modalità di gestione informatica più “dinamiche” di tale Banca Dati.


L’intera gestione dell’attestato “dinamico” avviene secondo precise regole dettate alle compagnie dall’IVASS e sotto la sua vigilanza.
Inoltre, viene inserito all’interno dell’ATR il Codice Identificativo Unico di Rischio (IUR), che collega in modo univoco la storia assicurativa del proprietario (o altro avente diritto, quale l’usufruttuario, l’acquirente con patto di riservato dominio o il locatario nel caso di locazione finanziaria) e del veicolo assicurato.


Di seguito, riepilogate nella forma Domande&Risposte, vi sono le principali novità stabilite dall’Istituto di Vigilanza con riguardo al cosiddetto attestato di rischio “dinamico”.


pdf icon

ATR Dinamico